NEWSLETTER

ISCRIVENDOSI SUBITO, LA TERREMO INFORMATO/A, VIA E-MAIL, SU TUTTE LE NOVITA'

Seleziona i tuoi interessi:


Prestando il consenso al trattamento per finalità di marketing e cliccando su conferma acconsento all' invio da parte di Lu.C mediante posta elettronica delle newsletter riguardanti le sue novità. Lu.C ricorda che in qualunque momento gli interessati posso disiscriversi

Il Dakota Palace

Lu.C Inside
 
 47b83b3d7621b60cffe15dc5a7b4f22c Dakota Building and Central Park West circa 1880 119925pv 
 
 
I lavori del Dakota Building, affidati al celebre architetto Henry Hardenbergh che aveva già progettato il Waldorf Astoria, incominciarono nel 1880. La particolarità di questa costruzione è data da una pianta quadrata libera da ogni lato e con affaccio tra la 72nd Street e il Central Park West. Alto dieci piani e di color ocra, si evidenzia dai suoi singolari tetti a cuspide, dalle nicchie e dalle tante balaustre da dove sporgono decorazioni in ferro battuto che conferiscono all’edificio un particolare stile severo dove si evincono caratteri neogotici tipici della metà del XIX secolo e ne fanno una delle residenze più misteriose ed esclusive di tutta Manhattan. 
 

Dakota Elevation

 

Fino al 7 dicembre 1980 il Dakota era semplicemente un antico ed esclusivo edificio residenziale dell’Upper West Side che appariva sullo sfondo di tante foto turistiche fatte al Bow Bridge di Central Park, in contrasto con la skyline regolare e squadrata dei tipici grattacieli di New York che lo circondano. Quello che però successe la sera seguente lo fece entrare immediatamente nell’elenco dei landmark turistici più visitati al mondo: di fronte alla sua entrata, larga quanto basta perché un tempo i residenti potessero entrarci con carrozze trainate da cavalli, la sera dell’8 dicembre 1980 fu assassinato John Lennon.

 

927FifthAv 11 3 vw

 

Che siate appassionati di Beatles o preferiate i Rolling Stones poco importa; siamo sicuri che, se vi trovate a Central Park dalle parti del memoriale di Strawberry Fields, una capatina a vedere dove il grande Lennon visse (e morì) la farete certamente. 
 
800px 1 West 72nd Street The Dakota by David Shankbone
Purtroppo non è possibile visitare l’interno, ma anche solo ammirarlo dall’esterno è sufficiente per avere un “assaggio” dell’eleganza e del fascino di questo luogo e al di là di misteri e delitti, il Dakota Building ha una storia ricca di aneddoti e curiosità.

 

  1. Il nome : si narra che l’origine del nome ‘The Dakota’ è incerta anche se due sono le ipotesi più accreditate. La prima è riconducibile al fatto che a fino Ottocento, l’Upper West Side, la zona in cui si trova, era scarsamente abitata e quindi poteva considerarsi come il deserto territorio del Dakota; la seconda – molto più probabile – deriva dal fatto che il nome fu assegnato dal suo proprietario, Edward Clark il quale amava molto gli stati dell’Ovest. Quel che è certo è il fregio che rappresenta un indiano Dakota, si può vedere dalla 72nd Street.
  2. È infestata dai fantasmi. In seguito all’uccisione di John Lennon, la vedova Yoko Ono, che ancora vive in uno degli appartamenti del Dakota, ha più volte dichiarato di aver visto il fantasma del marito e lo stesso Lennon in passato affermò di aver visto il fantasma di una donna aggirarsi tra gli ambienti dell’edificio.
  3. Non ci sono scale antincendio. È una particolarità insolita per gli edifici dell’epoca e in effetti basta passeggiare per New York per vedere tante costruzioni dotate di scale antincendio esterne, ma non è il caso del Dakota Building. Questo perché i pavimenti del condominio erano protetti da strati di materiale resistente al fuoco.
  4. I condòmini non possono disfarsi delle porte e dei caminetti originali, ma qualora volessero sostituirli devono obbligatoriamente depositarli in un magazzino.
  5. Ci sarebbero 30.000 dollari sotto il pavimento della camera da letto nell’appartamento di Lennon, che furono nascosti dal precedente inquilino; considerato che l’amministrazione condominiale si rifiuta di spaccare il pavimento, il mistero rimarrà tale.

 

Ricca è la lista dei personaggi famosi che hanno acquistato un appartamento in questo celebre stabile.
Tra questi, la famiglia Steinway, proprietaria dell’omonima casa di pianoforti; il celebre compositore Tchaikovsky; la famosa attrice Lauren Bacall proprietaria di un appartamento di nove camere che fu da lei vissuto per oltre mezzo secolo e recentemente venduto per 23,5 milioni di dollari; Bono degli U2, Rex Reed, Jack Palance, Lillian Gish, Boris Karloff e molti altri ancora. Da notare il fatto che per essere residenti, occorre passare sotto il placet del consiglio del The Dakota (una sorta di condominio) che ha rifiutato persone come  Melanie Griffith e Antonio Banderas, Cher, Billy Joel, Madonna, Carly Simon, Alex Rodriguez, Judd Apatow, e Tea Leoni.

 

Untitled 

download

La posizione del Dakota
oggi di fronte al cuore di Central Park.

 

Ovviamente tante sono le leggende che animano la fama di questo edificio, ai viaggiatori, però, rimane solo la possibilità di farsi una bella foto davanti alla vigilata porta del Dakota e poter affermare di esserci almeno passati davanti.
 

Questo sito utilizza dei cookies per migliorare la tua esperienza d'uso con noi.

Continuando la navigazione accetti la nostra informativa sui cookies Per saperne di piu'

OK

Cookie

I cookie sono piccole porzioni di dati che vengono memorizzate e utilizzate per migliorare l’esperienza di utilizzo di un sito.
Ad esempio possono ricordare temporaneamente le tue preferenze di navigazione per evitarti di selezionare tutte le volte la lingua, rendendo quindi le visite successive più comode e intuitive.
Oppure possono servire per fare dei “sondaggi anonimi” su come gli utenti navigano attraverso il sito, in modo da poterlo poi migliorare partendo da dati reali.

I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali dati identificabili non verranno memorizzati. Se si desidera disabilitare l’uso dei cookie è necessario personalizzare le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l’applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione.

 

I cookie non sono virus o programmi

I cookie non sono virus o programmi. I cookie sono solamente dati salvati in forma testuale nella forma “variabile=valore” (esempio: “dataAccessoSito=2014-01-20,14:23:15″). Questi dati possono essere letti solamente dal sito che li ha generati, e in molti casi hanno una data di scadenza, oltre la quale il browser li cancellerà automaticamente.

Non tutti i cookie vengono utilizzati per lo stesso scopo: di seguito verranno specificate le diverse tipologie di cookie utilizzati da questo sito web.

 

Cookie indispensabili

 

Questi cookie sono essenziali al fine di consentire di spostarsi in tutto il sito ed utilizzare a pieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi non potranno funzionare correttamente.

 

Performance cookie

 

Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano un sito web, ma non memorizzano informazioni che identificano un visitatore. Questi cookie vengono utilizzati solo per migliorare il funzionamento del sito web.
Utilizzando il sito l’utente accetta che tali cookie possono essere memorizzati sul proprio dispositivo.

 

Cookie di funzionalità

 

I cookie consentono al sito di ricordare le scelte fatte dall’utente (come la lingua o altre impostazioni speciali eventualmente disponibili) e forniscono funzionalità avanzate personalizzate, e possono anche essere utilizzati per fornire i servizi richiesti. Utilizzando il sito l’utente accetta che tali cookie possono essere memorizzati sul proprio dispositivo.

 

Come gestire i cookie sul tuo PC

 

Ogni browser consente di personalizzare il modo in cui i cookie devono essere trattati. Per ulteriori informazioni consultare la documentazione del browser utilizzato.

Alcuni browser consentono la “navigazione anonima” sui siti web, accettando i cookie per poi cancellarli automaticamente al termine della sessione di navigazione. Per ulteriori informazioni riguardo la “navigazione anonima” consultare la documentazione del browser utilizzato.

 

Google Analytics

 

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google. Google Analytics utilizza i cookies per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito. Le informazioni generate dal cookie sull’utilizzo del sito web (compreso il Vostro indirizzo IP anonimo) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito per gli operatori dello stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all’utilizzo di internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Utilizzando il presente sito web, voi acconsentite al trattamento dei Vostri dati da parte di Google per le modalità ed i fini sopraindicati.

Si può impedire a Google il rilevamento di un cookie che viene generato a causa di e legato al Vostro utilizzo di questo sito web (compreso il Vostro indirizzo IP) e l’elaborazione di tali dati scaricando e installando questo plugin per il browser: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=en

 

Google Adsense

 

Questo sito Web utilizza Google AdSense, un servizio per includere la pubblicità di Google Inc. (“Google”). Google AdSense utilizza i cosiddetti “cookie”, file di testo che vengono salvati sul tuo computer e che consentono un’analisi dell’utilizzo del sito Web. Google AdSense utilizza inoltre i cosiddetti Web beacon (grafici invisibili). Questi Web beacon permettono di valutare le informazioni come il traffico dei visitatori su queste pagine.

Le informazioni generate tramite cookie e Web beacon circa l’utilizzo di questo sito (compreso il tuo indirizzo IP) e la consegna dei formati pubblicitari vengono trasmesse a un server di Google negli Stati Uniti e memorizzate lì. Queste informazioni possono essere trasmesse, da Google, ai suoi partner. Google, tuttavia, non assocerà il tuo indirizzo IP con altre tue informazioni memorizzate.

Puoi interrompere l’installazione dei cookie modificando l’impostazione corrispondente nel tuo browser; tuttavia, ti facciamo presente che in questo modo potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito. Utilizzando il presente sito web, dichiari di essere d’accordo con l’elaborazione dei tuoi dati da parte di Google ottenuti nel modo e per lo scopo indicati.