NEWSLETTER

ISCRIVENDOSI SUBITO, LA TERREMO INFORMATO/A, VIA E-MAIL, SU TUTTE LE NOVITA'

Seleziona i tuoi interessi:


Prestando il consenso al trattamento per finalità di marketing e cliccando su conferma acconsento all' invio da parte di Lu.C mediante posta elettronica delle newsletter riguardanti le sue novità. Lu.C ricorda che in qualunque momento gli interessati posso disiscriversi

La bandiera dei pirati

Lu.C Story
 
 
 
Il celebre stilista inglese Alexander McQueen, scomparso a 40 anni nel 2010, dalla bandiera dei pirati ha tratto l'ispirazione per la particolare cifra trasgressiva della sua Maison che dagli anni 2000 ha rivoluzionato il mondo della moda introducendo tra gli altri elementi il simbolo piratesco del cranio in quasi tutte le sue creazioni.

 

mcqueen skull

 

La bandiera nera con le tibie incrociate sovrastate dal cranio ha una lunga storia: la sua immagine ci riporta all'epoca leggendaria dei Fratelli della Costa, della Filibusta della Tortuga, dei Bucanieri e dei Corsari, proiettandoci in un mondo di avventure narrate nei romanzi da secoli – da Salgari a Dumas e molti altri  – e nel cinema dagli esordi fino a oggi.
Il simbolo della pirateria per eccellenza è la bandiera che incuteva il terrore ai navigli nei sette  mari. Questo vessillo così evocativo, non è, come si potrebbe credere, di carattere universale e neppure antico quanto la pirateria che esiste da quando i primi navigatori si sono avventurati nei mari per commerciare e per scoprire nuove terre. La bandiera ha un nome curioso e di origine difficilmente decifrabile: “Jolly Roger” (forse una deformazione dell'originario termine francese “Jolie rouge” che indicava la bandiera rossa, e non nera, issata dai corsari verso alla fine del Seicento).

 

s l640

La Jolly Roger in versione rossa

 

Qui è d'obbligo una distinzione importante tra corsari e pirati. Il corsaro, di cui abbiamo illustri esempi, come i corsari elisabettiani Sir Francis Drake e Sir Walter Raleigh, era un privato cittadino che riceveva da uno Stato sovrano una “patente di corsa” che lo autorizzava a intercettare e rapinare le navi mercantili di uno Stato nemico in tempo di guerra. Il bottino era poi ceduto al mandante con una ricca percentuale riservata al corsaro. Queste navi corsare – possiamo dire ‘quasi legali’ –, innalzavano la “Jolly Rouge” in prossimità dell'assalto. Comunque la linea di demarcazione tra corsaro e pirata non era poi così netta e molti corsari, esaurito il contratto, diventavano dei pirati, cioè veri e propri fuorilegge che potevano essere catturati e giustiziati senza processo. Ecco allora che la bandiera da rossa diventa nera, pur conservando il nome originario e subendo numerose varianti. I pirati più famosi innalzavano una bandiera personale, un teschio che sovrasta due spade, uno scheletro con una freccia, uno scheletro con una clessidra e un cuore sanguinante e così via.

 

440px Bonnet

Il pirata Stede Bonnet in un'incisione dell'epoca

 

Questa idea apparentemente strana di avvisare con la bandiera la nave  che si vuole aggredire in realtà dava i suoi frutti esercitando una sorta di pressione psicologica: spesso la preda terrorizzata preferiva arrendersi rinunciando al carico e rassegnandosi a consegnare ciurma e passeggeri per l'inevitabile tentativo di riscatto. Se, invece di arrendersi, il bersaglio dava segno di voler combattere il "Jolly Roger" nero veniva ammainato e sostituito dal "Jolly Roger" rosso a significare che l'assalto sarebbe stato senza quartiere e tutti passeggeri e ciurma massacrati dopo l'arrembaggio.
La simbologia espressa dal vessillo dei pirati nelle sue varie forme ha avuto, pur con importanti modifiche, un grande seguito anche in epoca successiva, assumendo il significato di sprezzo del pericolo, di coraggio, di forza d'animo e di sfida nell'affrontare il pericolo di morte e una buona dose di prepotenza (ricompare tra l’altro in alcuni reparti dell'esercito italiano durante la prima guerra mondiale e in  reparti nazisti nella seconda guerra mondiale).

 

F 14 vf 84

Caccia USA squadrone "Jolly Rogers"

 

Ma dove il “Jolly Roger”, sorprendentemente, sopravvive fino ai giorni nostri, è soprattutto nella marina britannica come vessillo dei sommergibili che, particolarmente durante la seconda guerra mondiale, agirono come veri e propri corsari inseguendo e  e affondando le navi mercantili nemiche. I sommergibili inglesi dopo una spedizione vittoriosa innalzavano rientrando alla base il "Jolly Roger" che tenevano aggiornato aggiungendo tacche di diversa forma a seconda del tipo di naviglio colpito e affondato. Insomma la bandiera del pirata Barbanera continua a sventolare tutt’oggi.

 

jolly roger

Moderna Jolly Roger del Pirata "Cappello di Paglia" Protagonista della fortunatissima serie Giapponese ONE PIECE

 

Non solo alla fine del secolo scorso, dove si è visto garrire sui sommergibili inglesi durante la guerra delle Falkland e del Kossovo ma nel nostro secolo è ancora ben visibile dipinta sugli aerei di vari squadroni dell'aviazione di marina americana. Il significato brutale di rapina e aggressione non dichiarata si stempera in quello forse originario di coraggio e sprezzo del pericolo al punto che in alcune associazioni di intrepidi surfisti il teschio sovrasta due tavole da surf invece di due tibie scarnificate.

 

 

Questo sito utilizza dei cookies per migliorare la tua esperienza d'uso con noi.

Continuando la navigazione accetti la nostra informativa sui cookies Per saperne di piu'

OK

Cookie

I cookie sono piccole porzioni di dati che vengono memorizzate e utilizzate per migliorare l’esperienza di utilizzo di un sito.
Ad esempio possono ricordare temporaneamente le tue preferenze di navigazione per evitarti di selezionare tutte le volte la lingua, rendendo quindi le visite successive più comode e intuitive.
Oppure possono servire per fare dei “sondaggi anonimi” su come gli utenti navigano attraverso il sito, in modo da poterlo poi migliorare partendo da dati reali.

I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali dati identificabili non verranno memorizzati. Se si desidera disabilitare l’uso dei cookie è necessario personalizzare le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l’applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione.

 

I cookie non sono virus o programmi

I cookie non sono virus o programmi. I cookie sono solamente dati salvati in forma testuale nella forma “variabile=valore” (esempio: “dataAccessoSito=2014-01-20,14:23:15″). Questi dati possono essere letti solamente dal sito che li ha generati, e in molti casi hanno una data di scadenza, oltre la quale il browser li cancellerà automaticamente.

Non tutti i cookie vengono utilizzati per lo stesso scopo: di seguito verranno specificate le diverse tipologie di cookie utilizzati da questo sito web.

 

Cookie indispensabili

 

Questi cookie sono essenziali al fine di consentire di spostarsi in tutto il sito ed utilizzare a pieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi non potranno funzionare correttamente.

 

Performance cookie

 

Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano un sito web, ma non memorizzano informazioni che identificano un visitatore. Questi cookie vengono utilizzati solo per migliorare il funzionamento del sito web.
Utilizzando il sito l’utente accetta che tali cookie possono essere memorizzati sul proprio dispositivo.

 

Cookie di funzionalità

 

I cookie consentono al sito di ricordare le scelte fatte dall’utente (come la lingua o altre impostazioni speciali eventualmente disponibili) e forniscono funzionalità avanzate personalizzate, e possono anche essere utilizzati per fornire i servizi richiesti. Utilizzando il sito l’utente accetta che tali cookie possono essere memorizzati sul proprio dispositivo.

 

Come gestire i cookie sul tuo PC

 

Ogni browser consente di personalizzare il modo in cui i cookie devono essere trattati. Per ulteriori informazioni consultare la documentazione del browser utilizzato.

Alcuni browser consentono la “navigazione anonima” sui siti web, accettando i cookie per poi cancellarli automaticamente al termine della sessione di navigazione. Per ulteriori informazioni riguardo la “navigazione anonima” consultare la documentazione del browser utilizzato.

 

Google Analytics

 

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google. Google Analytics utilizza i cookies per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito. Le informazioni generate dal cookie sull’utilizzo del sito web (compreso il Vostro indirizzo IP anonimo) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito per gli operatori dello stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all’utilizzo di internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Utilizzando il presente sito web, voi acconsentite al trattamento dei Vostri dati da parte di Google per le modalità ed i fini sopraindicati.

Si può impedire a Google il rilevamento di un cookie che viene generato a causa di e legato al Vostro utilizzo di questo sito web (compreso il Vostro indirizzo IP) e l’elaborazione di tali dati scaricando e installando questo plugin per il browser: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=en

 

Google Adsense

 

Questo sito Web utilizza Google AdSense, un servizio per includere la pubblicità di Google Inc. (“Google”). Google AdSense utilizza i cosiddetti “cookie”, file di testo che vengono salvati sul tuo computer e che consentono un’analisi dell’utilizzo del sito Web. Google AdSense utilizza inoltre i cosiddetti Web beacon (grafici invisibili). Questi Web beacon permettono di valutare le informazioni come il traffico dei visitatori su queste pagine.

Le informazioni generate tramite cookie e Web beacon circa l’utilizzo di questo sito (compreso il tuo indirizzo IP) e la consegna dei formati pubblicitari vengono trasmesse a un server di Google negli Stati Uniti e memorizzate lì. Queste informazioni possono essere trasmesse, da Google, ai suoi partner. Google, tuttavia, non assocerà il tuo indirizzo IP con altre tue informazioni memorizzate.

Puoi interrompere l’installazione dei cookie modificando l’impostazione corrispondente nel tuo browser; tuttavia, ti facciamo presente che in questo modo potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito. Utilizzando il presente sito web, dichiari di essere d’accordo con l’elaborazione dei tuoi dati da parte di Google ottenuti nel modo e per lo scopo indicati.